Moshe Feldenkrais (1904-1984)*

Storia di un pioniere che ha dedicato tutte le sue energie per aiutare gli altri ad imparare come migliorare la qualità della propria vita

Nato nel 1904 a Slavuta (l’odierna Ucraina) e cresciuto a Baranovitz, di origine ebraica, Moshe Feldenkrais, appena tredicenne lascia la casa paterna per trasferirsi in Palestina, dove lavorerà come pioniere costruendo strade e case.
Al contempo si dedicherà all’apprendimento delle arti marziali e allo studio di diverse tecniche di autodifesa, passione che coltiverà nel corso di tutta la sua vita (le conoscenze acquisite si riveleranno fondamentali per l’efficacia del metodo Feldenkrais).

Ripresi gli studi in età adulta, nel 1928 Moshe Feldenkrais si stabilisce a Parigi, dove conseguirà la laurea in ingegneria meccanica ed elettrica. Successivamente otterrà un dottorato in fisica alla Sorbona e, al contempo, collaborerà come ricercatore con Pierre Joliot-Curie.
Divenuto allievo e, successivamente, amico intimo di Jigoro Kano, dopo aver ottenuto la cintura nera di Judo, fonderà il primo club di Judo in Francia (tra i suoi allievi ricordiamo Bertrand Goldschmidt, Pierre e Irène Joliot-Curie)

Nel 1940, dopo l’invasione nazista di Parigi, si rifugerà in Inghilterra, dove lavorerà per il Ministero della Marina Britannica.
A guerra conclusa ritornerà in Israele. Qui diventerà il primo Direttore del Dipartimento Elettronico delle Forze di Difesa dell’esercito israeliano.

Le sue conoscenze scientifiche, la sua formazione nelle arti marziali e un incidente al ginocchio, che gli creerà gravi difficoltà, porteranno Moshe Feldenkrais ad elaborare un metodo pratico di lavoro sul corpo, il metodo Feldenkrais, che esporrà in modo organico, nel 1949, nel rivoluzionario libro Il corpo e il comportamento maturo.

I suoi punti di vista sull’ansia, sulla depressione, sull’importanza della diramazione vestibolare dell’ottavo nervo cranico sono, oggi, universalmente riconosciuti ed accettati.

Dopo anni di lavoro pratico su migliaia di persone, Moshe Feldenkrais si dedicherà totalmente all’insegnamento dei suoi principi, divulgando il metodo Feldenkrais in Europa, negli Stati Uniti e in Israele.

Tra i suoi allievi si menzionano David Ben Gurion, Margaret Mead, Peter Brook, Yehudi Menuhin, Leonard Bernstein, Moshe Dayan.

Morirà in Israele nel 1984.

Oggi il metodo Feldenkrais è praticato in tutto il mondo.

*Biografia tratta dal testo ufficiale dell’A.I.I.M.F Associazione Italiana Insegnanti del Metodo Feldenkrais

Iscriviti alla nostra Newsletter

Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.